Skip to content →

Sauro Pellerucci Posts

Smettete di chiedermelo

Tra tutti gli annunci e i rumors prodotti nell’anno 2019, il suo “non posso più suonare” entrerà nella storia, in quella vera.

In un’era in cui viviamo di un passato da sfogliare, accogliamo questo presente donatoci da una persona realmente straordinaria, da un uomo che ha saputo volare e portarci in alto, con sé.

Un uomo così non può nascere; esso può esser solo il frutto di una lunga e perfetta evoluzione, di una dedizione spirituale che ha saputo raggiungere l’impossibile per poi donarlo a noi, umani normalmente imperfetti.

Ezio Bosso ci ha appena annunciato che saprà compiere un altro miracolo… se solo smetteremo di chiederglielo.

Grazie Ezio.

Share
Leave a Comment

I Valori e le Azioni

Nel cosiddetto “Mercato” la parola “Azioni” ha un “Valore” chiaro e individuato.

In Pagine Sì!4Web amiamo tradurre diversamente questi termini. Per noi le azioni sono il frutto della volontà personale di trasferire i propri valori nel mercato del libero scambio di beni e servizi. Il nostro “gruppo di lavoro” è un “gruppo di valori” perché seguiamo una politica diversa, aperta a chiunque voglia farne parte e ampliarne gli effetti collaterali prodotti, alcuni dei quali sono stati sintetizzati nel video.

Ringraziando ogni componente, passato, presente e futuro, ricordo che testimoniare le buone azioni significa potenziare la generazione della positiva emulazione.

 

Share
Leave a Comment

I Valori di un’azienda

Sono fermamente convinto che la storia non si possa improvvisare ma che vada scritta giorno per giorno.

Le imprese godono tutte di una propria vision e di una personale mission.

Il video che presento in questo articolo è una sintesi dei Valori ricercati in più di 20 anni di Pagine Sì! e della sua business unit Sì!4Web.

Share
Leave a Comment

Il Fine

“Ogni civiltà progredisce fino a culminare nella propria decadenza”. Questa è una paura che tutti intendiamo rimuovere. E’ possibile frenare l’escalation dei temuti eventi futuri…

Share
25 Comments

Notre Dame de Paris

Madre

L’odore di muschio bruciato incensa l’aria; la grande radice è falò.

Il vento forte, la fronda scossa da spasimi ondosi.

L’innocenza appare ed è nuovamente nostra in quel legno, secco e inchiodato, che ascende al cielo arso da lingue di fuoco.

Come da gola sorda ai nostri lamenti, alta, antica e consunta, riecheggia una comune passione.

Che io prego sia di Resurrezione.

Share
Leave a Comment

Una proposta sostenibile

Il maestro aveva quasi finito il tempo a sua disposizione quando, in ultimo, decise di dettare un esercizio ai propri alunni.

“Cari ragazzi, vi lascio questo esercizio da fare a casa”.

Quesito:

“Oggi la mamma è andata al supermercato per acquistare 1 kg di carne. Sapendo che la carne era confezionata in comode vaschette di plastica da 200 grammi, che la carne costa 10 euro al chilo e che sulla tara, se non riciclabile, insiste la nuova imposta sullo smaltimento pari al 500% del prezzo del prodotto contenuto, quanto avrà pagato la mamma per acquistare quel chilo di carne?”.

Share
Leave a Comment

Sì! x Amatrice

Generare emulazione positiva significa sviluppare e condividere percorsi virtuosi comuni. Fare e testimoniare, senza timidezze, senza inopportuni pudori. Un “Sì! x Amatrice”, una giornata particolare.

Ogni componente di Pagine Sì! S.p.A., ogni dipendente, agente e collaboratore, si è privato di qualcosa di proprio per consegnarlo alla Città di Amatrice. Questo spirito di partecipazione è alla base di qualsiasi successo, ed esso è riconoscibile anche nel nostro.
 
Grazie Pagine Sì!

Share
One Comment

Succedere a se stessi, per non lasciarsi succedere

Succedere a se stessi è rinascere, è ritornare per sistemare alcuni aspetti della propria vita, è prendere le giuste distanze da ciò che eravamo e che non siamo più, è l’unica alternativa al “lasciarsi succedere” dagli altri o dal nostro quotidiano oblio.
Sapersi succedere è un’arte che prorompe dalla curiosità tipica di chi vuole imparare senza pregiudizi e sa guardarsi dalla corretta prospettiva oltre cha da una giusta distanza.

Io non sono ciò che ero, io sono ciò che voglio e saprò essere. Questo sono ora, in ogni momento della mia esistenza.

Ecco quindi che non sono più chi ero ma ne sarò il suo miglior successore.
Perché? Perché intendo apprezzare e mantenere i miei punti di forza, riconoscere e superare le mie debolezze, le mie temporanee incapacità.

Share
Leave a Comment

Pellerucci, politica industriale punta su responsabilità sociale d’impresa

Secondo il rapporto Eco-Media l’11% delle notizie è dedicato al green, e spesso con accezioni negative: ovvero disastri naturali o condizioni meteorologiche.
Una fotografia che va modificata, con il contributo di leader politici, di giornalisti e di imprenditori che investono sulla responsabilità sociale e sulla sostenibilità.

Share
Leave a Comment